Partner im RedaktionsNetzwerk Deutschland

Radio 24 - Reportage

Podcast Radio 24 - Reportage
Podcast Radio 24 - Reportage

Radio 24 - Reportage

juntar

Episódios Disponíveis

5 de 30
  • Odissea passaporti - di Livia Zancaner
    Difficoltà col sito, procedure farraginose, code chilometriche davanti agli uffici: ottenere un appuntamento per chiedere il rilascio del passaporto ormai è diventato un miraggio. Così se prima della pandemia per avere il documento servivano due - tre settimane, adesso ci vogliono tra i quattro e gli otto mesi. I motivi: il boom di richieste post covid e la Brexit, ma soprattutto "la costante erosione negli anni del numero di lavoratori nelle forze di polizia", spiegano i sindacati da Nord a Sud. La soluzione dettata dal Viminale riguarda aperture straordinarie, intensificazione degli appuntamenti, postazioni più performanti e la ministra del Turismo, Daniela Santanchè, promette interventi urgenti e soluzioni concrete nei prossimi giorni. I danni per chi lavora nel turismo sono infatti ingenti: per le agenzie le mancate vendite per i viaggi saltati per vacanze, lavoro, studio al momento ammontano a 150 milioni di euro.
    2/5/2023
  • Svezia, dove si vive senza contanti - di Teresa Trillò
    Benvenuti in Svezia, uno dei paesi più digitali del mondo , dove la regola è pagare con carta di credito o con Swish, una app che consente di effettuare pagamenti con il telefonino anche tra privati, App usata da 8 milioni di svedesi su una popolazione di 10 milioni. E i pagamenti in contanti sono sempre più rari. Qui anche in chiesa è ovunque possibile fare l'elemosina con carta o Swish. Dall'ultimo rapporto sulle abitudini di pagamento degli svedesi, pubblicato a dicembre della Riksbank, la banca centrale svedese, emerge una società sempre più digitalizzata. Ogni giorno 9 svedesi su dieci usano Internet e tre su quattro si identificano digitalmente tramite un'identità digitale certificata. A Lund, città universitaria nel sud della Svezia con più di 91mila abitanti, se si chiede quali sono i metodi preferiti di pagamento la risposta è quasi sempre univoca. "Senza carta o Swish è difficile pagare in contanti", racconta Tina. "Depositare l'incasso in banca è complicato e genera sospetti", dice Jimmy che vende frutta e verdura nel mercato ambulante di Mårtenstorget. Lucia è romana, da 7 anni vive a Lund dove ha aperto una sartoria: "lavorare senza contanti ha risvolti positivi", racconta. "In banca non abbiamo contanti, per depositare o ritirare denaro c'è l'Atm", spiega Elin Betschart. E sono cambiati anche i reati, scomparse le rapine in banca. Mentre la Banca centrale studia l'e-Krona, una valuta digitale di Stato.
    2/4/2023
  • Lo sport oltre ogni barriera: la Bebe Vio Academy - di Dario Ricci
    Un'accademia dove giovani diversamente abili e normodotati possono fare sport insieme, scambiandosi emozioni, esperienze, conoscenze e- perché no? – anche tanto divertimento. E'la Bebe Vio Academy, fondata a Milano dalla grande campionessa paralimpica di scherma per dimostrare, una volta di più, che lo sport è uno, e di tutti. Dario Ricci ci racconta un pomeriggio vissuto sul parquet del PalaIseo di Milano, sede indoor degli allenamenti della Bebe Vio Academy.
    1/29/2023
  • Euroreportage - Euro e Schengen. Storia di un doppio traguardo croato - di Sergio Nava
    Il primo gennaio la Croazia è entrata contemporaneamente nell'Eurozona, adottando la moneta unica, e nell'area Schengen della libera circolazione di persone all'interno dell'UE. In neppure dieci anni di appartenenza all'Unione, Zagabria ha quindi raggiunto un doppio traguardo: in questo Euroreportage dalla capitale croata, Sergio Nava indaga gli effetti di euro e Schengen sul Paese balcanico, tra benefici economici e monetari, sorveglianza dei confini, opportunità per le imprese ed effetti dell'introduzione dell'euro sull'inflazione. Che anche in Croazia si fa sentire, soprattutto nella spesa di tutti i giorni.
    1/28/2023
  • Brescia-Bergamo, dove la cultura riparte per dimenticare il covid - di Anna Migliorati
    Volontà e premesse per cancellarne le tracce ci sono tutti, ma le parole covid e pandemia s'insinuano necessariamente, più o meno velate o dovute, in territori dove nei due anni passati si sono fatti sentire con ferocia, nella conta delle vittime e nella paura di ripensare un futuro. E, d'altra parte, è da qui che è nata l'idea di assegnare a Brescia e Bergamo il titolo di capitali della cultura 2023. Un modo per chiudere un cerchio, o meglio, ripetono in molti, di iniziare un nuovo capitolo. Un titolo che, per questo, assume tanti significati e ha tante facce. Quella delle centinaia di iniziative, quella dei musei che si rinnovano, ma è soprattutto quella di un territorio alla ricerca di una nuova identità. Una scommessa che ha le premesse giuste nell'anno che si è aperto con il boom delle visite ai musei visto che, d'altra parte, non si nasconde anche l'obbiettivo economico. Ma se è stata la pandemia a tirare un filo rosso che unisce due città, la vera scommessa - ci dicono - è un'altra: per dirla col New York Times, che ha inserito Brescia e Bergamo tra le mete da non perdere nel 2023, "dalla polenta taragna ai casoncelli con burro e salvia, che provano quanto può essere dolce la vita", l'obbiettivo è ripartire.
    1/22/2023

Rádios semelhantes

Sobre Radio 24 - Reportage

Website da estação

Ouve Radio 24 - Reportage, Rádio Comercial E várias outras estações de todo o mundo com a aplicação radio.pt

Radio 24 - Reportage

Radio 24 - Reportage

Descarregue agora gratuitamente e ouve facilmente o rádio e podcasts.

Google Play StoreApp Store

Radio 24 - Reportage: Rádios do grupo